L'Art de l'Equilibre

L'Art de l'Equilibre è un progetto nato dalla volontà di offrire ad una vasta utenza ( bambini, adulti, sportivi, persone in età avanzata) una serie di innovative tecniche riabilitative, di terapia manuale osteopatica e di allenamento corporeo tutte volte al raggiungimento del benessere globale dell'individuo, o al ripristino di una migliore efficienza fisica e psichica.

Per questo il fulcro centrale di tutte le discipline ed attività previste si fonda sulla rieducazione e/o il mantenimento della fisiologia dei movimenti, sul recupero di una giusta postura e di una mobilità priva di tensioni muscolari, di dolori o di rigidità post-traumatiche.

Ogni tecnica verrà adattata e personalizzata sul singolo utente, dopo una precisa valutazione funzionale e posturale, per venire incontro alle specifiche esigenze e problematiche della persona.La gamma di prestazioni che lo studio offre per perseguire tali obiettivi comprende:


L'approccio

La mia esperienza di ex ballerina classica e danzatrice di contemporaneo mi ha portato a fare ricerca nell'ambito delle patologie dello sport e a ideare delle metodiche terapeutiche atte al recupero funzionale dagli infortuni specifici del mondo della danza.

Poiché il danzatore in senso lato va molto incontro a stress meccanici della colonna vertebrale e delle grandi articolazioni, il mio approccio terapeutico si avvale di un'integrazione di metodiche che vanno dal lavoro globale osteopatico al training con la pulley tower del Gyrotonic, per il successivo recupero funzionale gesto-specifico.

L'osteopatia prevede una valutazione funzionale integrata di tutti i sistemi del corpo ( strutturale=muscolo-scheletrico, viscerale e cranio-sacrale) per capire in quale di essi si è instaurata la problematica principale che ha messo poi l'organismo in difficoltà.

Da qui lo scopo delle manipolazioni osteopatiche sarà quella di risolvere definitivamente, e in breve tempo, la disfunzione primaria affinché il corpo riesca di nuovo a gestire le sollecitazioni meccaniche cui il danzatore è quotidianamente esposto.

La fase successiva prevede il recupero della mobilità articolare e neurologica, abbinata alla sollecitazione dell'elasticità muscolare indispensabili per avere una struttura flessibile e agile come richiede la danza.

Per questo obiettivo mi avvalgo del training col Gyrotonic, grazie al quale posso svolgere sedute personalizzate in cui insegno movimenti ed esercizi che vanno a sbloccare e stimolare il corpo nei tre piani spaziali, permettendo un rinforzo muscolare effettuato sempre in decoattazione articolare. Ciò significa assenza di compressione e sollecitazione disfunzionale sulle cartilagini e sui legamenti.

In ultimo, se la valutazione iniziale mi ha portato a rilevare deficit visivi che possono influenzare la stabilità posturale della persona, viene programmato un training visuo-posturale, seguito da ottici-optometristi che collaborano con lo studio. anche di abbinare, in questa seconda fase, un lavoro corporeo che utilizza le asana dello yoga, ovvero posizioni dinamiche e posture che vanno a liberare ed allineare ulteriormente il corpo grazie all'uso contemporaneo di una respirazione profonda e sedante.